Kobo Aura ONE

Kobo Aura ONE

Il mio rapporto con la tecnologia è davvero particolare.

Seguo vari settori, leggo spesso notizie su siti di informatica ed elettronica ed utilizzo diversi sistemi operativi e dispositivi. Anche per via della mia rete sociale nerd sono molto informato su molta della tecnologia che uso, e negli ultimi anni di roba ne ho comprata forse più del dovuto, ma il motivo è soltanto uno: in realtà io la tecnologia  -sotto sotto- LA ODIO.

La tecnologia per me è uno mezzo per un fine, ma come strumento troppo spesso non sembra affatto fatta per un uso “umano” e complica inspiegabilmente il raggiungimento del proprio obiettivo. Proprio per questo in ogni acquisto sono infinitamente esigente e difficilmente accontentabile. Certo, ci sono le eccezioni, e una di queste è il mio Kobo Aura One: Un eBook reader davvero fenomenale.

Questo lettore è il top gamma Kobo, quindi uno dei migliori eReader in assoluto, nonché l’unico modello serio da 8 pollici (con la stessa dimensione e proporzione di un iPad mini per intenderci).

La scelta è ricaduta su questo dispositivo principalmente per un motivo: volevo leggerci anche fumetti.

I vari dispositivi da 6 pollici sono più leggeri (nonostante anche questo modello sia un peso piuma), più economici, più facili da trasportare e da tenere in mano, ma la diagonale del display è davvero troppo piccola per fruire agevolmente di un fumetto, e non avrei potuto leggere i 18 volumi digitali di Kinnikuman (finalmente in italiano) con la stessa, eccezionale, comodità. Un kindle da 6 pollici starebbe nella tasca del giubbotto, ma personalmente quando sono in giro ho SEMPRE dietro una tracolla, quindi anche questo Kobo mi segue molto spesso senza problemi.

Lo schermo è stupendo, un e-ink carta con una risoluzione così alta da non ricordarmela nemmeno (ma sono andato a controllare, ed è 1872 x 1404 pixel) e con una luminosità uniforme e ampiamente regolabile. L’ esperienza di lettura è comoda e personalizzabile in font, dimensioni e aree sensibili, e la qualità generale e i colori del pannello davvero non farebbero rimpiangere la carta stampata se non fosse per qualche ditata o qualche riflesso di troppo. Certo, lo schermo è oleofobico e antiriflesso, ma la vera carta lo è molto di più.

Il lettore è sottile e leggerissimo, con una finitura stupenda sul retro, piacevolissima sia al tatto che alla vista. L’unico tasto presente è quello di sblocco e accensione, posto dove in un normale tablet sarebbe la fotocamera, quindi facilmente raggiungibile. La batteria dura parecchio, non saprei fare una vera e propria statistica, ma ci si dimentica davvero di doverlo ricaricare; È inoltre impermeabile, o nel mio caso la sarebbe se non mi fossero arrivati ben TRE(!) dispositivi di fila con lo stesso punto del retro un po’ scollato, che a 210 euro da un po’ fastidio. (teoricamente anche così rimarrebbe waterproof, ma non mi va di correre il rischio)

Andando oltre al fantastico “oggetto” che è questo Kobo Aura vi illustrerò come funziona. Innanzitutto vale la pena specificare la principale differenza tra un Kobo e un Kindle: Il Kindle di Amazon ha lo store di Amazon, che è il migliore, ma non è compatibile con il diffusissimo formato ePub ed in linea di massima è un po’ più blindato.

Il Kobo, al contrario, è compatibile un po’ con tutto, ma ha uno store e un sistema meno funzionale. Se volete compare i libri da Amazon il Kindle è l’ideale, per prendere da altri store (o per piratare qualcosina) invece è il Kobo la scelta giusta, ma non bisogna scordarsi che con i giusti strumenti e un po’ di pazienza (poca davvero eh) si riesce tranquillamente ad avere i propri libri comprati sul Kindle store anche sul Kobo: nel mio caso fino ad ora ho letto praticamente solo libri provenienti da Amazon e riconvertiti con Calibre in formato ePub. Talvolta le cose si complicano, e piratarsi da soli un prodotto acquistato da un po’ di fastidio, ma vale la pena diventare “davvero” i proprietari di un qualcosa legato altrimenti soltanto ad un account.

Aldilà di questi aspetti squisitamente tecnici (che mi ricordano come mai in fin dei conti io odi l’informatica) come funziona davvero questo Kobo Aura One?

Bene, indubbiamente. Certo, arrivando da tablet e smartphone la risposta laggosa dell’e-ink può lasciare inizialmente interdetti, i menù sono un po’ lenti e limitati, la gestione dei file o l’inserimento di scritte segue ritmi non proprio “della nostra epoca”, così come capita di perdersi qualche tocco nei libri con tanti collegamenti ipertestuali, ma in fin dei conti questo dispositivo è pensato per una sola cosa: leggere. E in questo funziona benissimo. I cambi di pagina sono immediati e precisi sia nei libri che nei fumetti, il refresh è rapido e il ghosting dello schermo è quasi assente.

Leggere è un vero piacere, e per quel che mi riguarda non posso non citare come ciliegina sulla torta l’integrazione con Pocket, l’applicazione/estensione web che permette, una volta trovato un articolo su un qualunque sito o blog da telefono o da pc di salvarlo “per dopo” con una formattazione più pulita e, appunto, in stile libro: Nel Kobo si può accedere in qualunque momento ai propri articoli Pocket per leggerli quindi nel miglior modo possibile.

Non finirà mai la diatriba tra chi sostiene questi eReader, chi riesce a leggere tranquillamente anche da un tubo catodico, e chi invece, incorruttibile, leggerà sempre e solo libri cartacei, ma davvero bisognerebbe dare una possibilità a questi dispositivi, e lo dico qui, dalla mia cameretta, circondato da librerie cariche di libri e fumetti, e con la convinzione che cartaceo ed eBook possano convivere pacificamente, la scelta è ampia, con vari formati, e per tante esigenze.

Il nuovo Kindle Oasis da 7 pollici è senza dubbio stupendo se avete un rene in più da vendere, ma anche tanti altri modelli si trovano a prezzi ottimi. Il mio Kobo è caro, meno del nuovo top gamma Amazon, ma più di praticamente tutto il resto. È un acquisto da valutare attentamente, ma mi è impossibile sconsigliarlo.

 

 

 

 

 

 

No comments yet. Be the first one to leave a thought.
Leave a comment

Leave a Comment